SALONE INTERNAZIONALE DEL MOBILE
Milano, 04 / 2014

Salone del Mobile 2014 - What’s NEW!?
Play with us! 

Il 2013 è stato l’anno in cui Gufram è ripartita con nuovi ed originali progetti creati da Fabio Novembre, Denis Santachiara, Donegani & Lauda e Valerio Berruti.Quest’anno l’invito ad entrare nel parco giochi surreale dell’anti design è stato allargato ad altri designer ed artisti italiani, ma anche a progettisti stranieri che da sempre adorano Gufram e l’Italia. 

Il tema del Salone 2014 è stato chiedere ai designer di confrontarsi con l’ironia dissacrante di Gufram, portare al limite le idee e giocare con i materiali e tecnologiche industriali ed artigianali uniche della sua produzione. Un universo che è teatro dell’assurdo, dove sedute e complementi d’arredo sfuggono a definizioni univoche e creano dimensioni parallele in bilico tra realtà e finzione.
I polimeri espansi flessibili e la finitura in Guflac sono stati i punti di partenza per tutti. Il percorso creativo ha portato Gufram ad indagare nuove applicazioni e modalità di sperimentazione giungendo ad inaspettati punti di approdo. 

Nascono così nuove follie ed originali paradossi tattili e visivi che da sempre rendono i prodotti di Gufram diversi ed originali nel variegato mondo dell’arredamento. 

Poltrona di Alessandro Mendini:
Un incontro che si è finalmente concretizzato a 40 anni di distanza dalle prime riflessioni tra architetto e azienda ha generato Poltrona, una seduta dalle spigolose forme assolute decorata in finto marmo sapientemente replicato a mano. Un podio, un trono temibile camuffato dalla bellezza della pietra levigata che può sembrare pesante e duro ma che al tatto svela la sua consistenza di morbido e accogliente pensatoio. Proprio come del resto deve essere la poltrona a cui ci affezioniamo di più. 

Hortensia di Marcel Wanders:
Hortensia è una morbida scultura in poliuretano espanso progettata per essere ammirata da qualsiasi angolazione. Si tratta di un’isola di colore che si trasforma in una poesia visiva rappresentando un luogo rassicurante e al contempo delicato dove posarsi. Intesa come una seduta per una o più persone questo ampio pouff floreale può essere vissuto come territorio di relax o come suggestiva scenografia surreale del paesaggio domestico.

Bounce di Karim Rashid:
All’interno del catalogo Gufram è sempre mancata la sedia, realizzarla in termini affini all’estetica giocosa tipica del marchio utilizzando polimeri espansi e flessibili era una sfida ardua che Karim Rashid ha portato a termine con un progetto geniale. Bounce è la nuova icona del Funzionalismo Pop. Ogni sedia può essere infatti composta a piacere giocando con infinite possibilità cromatiche. 

Softcrete di Ross Lovegrove:
Softcrete è il nome del divano componibile che crea un salotto fuori dagli schemi capace di smontare la convizione che il cemento sia un materiale duro e dall’anima fredda. La nuova chaise longue introdotta quest’anno per completare l’abaco delle possibili combinazioni viene realizzata, così come gli altri elementi, in poliuretano espanso con finitura Guflac. La texture particolare replica la superficie del cemento a vista. Con Softcrete, Ross Lovegrove definisce un nuovo ed affascinante corto circuito progettuale. 

Detecma di Tullio Regge:
Nel 1967 il Professor Tullio Regge, uno dei più influenti scienziati del XX secolo, trasforma un’equazione matematica in un volume ergonomico per l’arredamento battezzato Detecma dall’acronimo di Design, Tecnica e Matematica. L’innovazione per l’epoca fu devastante e antesignana. Solo decenni dopo si iniziò infatti ad introdurre l’uso del computer per la progettazione tridimensionale. Gufram rende omaggio a questa rivoluzione eccezionale rieditando la poltrona Detecma in sei nuove versioni dai brillanti colori gradienti. 

Globe di Studio Job:
Creato su misura pensando ai viaggiatori instancabili di tutto il mondo, Globe è il primo mobile contenitore ad entrare nella collezione Multipli di Gufram. Studio Job formato da Job Smeets e Nynke Tynagel ha concepito questo armadio isolando la morbidezza nel mappamondo in poliuretano espanso posto nel cuore del progetto. L’effetto sorpresa così è ancora più forte ed intenso. Globe è uno scrigno segreto dove custodire le memorie più vive, i ricordi più tangibili dei vostri viaggi ai quattro angoli della terra.

    Alessandro Mendini
     Studio Job
     Fabio Novembre
     Karim Rashid
     Ross Lovegrove
     Marcel Wanders
     Studio 65
     Guido e Elisa Drocco
     Franco Mello
     Donegani e Lauda
     JJ Martin
     Tony Chambers
Alessandro Mendini
 Studio Job
 Fabio Novembre
 Karim Rashid
 Ross Lovegrove
 Marcel Wanders
 Studio 65
 Guido e Elisa Drocco
 Franco Mello
 Donegani e Lauda
 JJ Martin
 Tony Chambers